Il lungo, il corto e il pacioccone.

 

“Il lungo, il corto e il pacioccone” è il titolo di una canzone che gracchia tutte le mattine dal mangianastri di mia figlia, che la ascolta quando si veste.

È roba di uno Zecchino d’Oro di tanti anni fa, che io ascolticchio come d’abitudine da sotto la doccia senza nemmeno far caso a cosa dice.

Stasera però mi è tornata in mente mentre, nel pollaio quotidiano della mia cena serale, alle prese coi bimbi, la moglie e tutto l’ambaradam di sempre, mi è capitato di sentire i titoli del Tg.

Il lungo stava sul primo titolo, quello che parlava di Roma e dell’incidente sul metrò.

Il lungo è proprio lui, è Walter Veltroni, che con la consueta espressione di chi sta dicendo qualcosa destinato a rimanere scolpito nei cuori di tutti commenta i fatti, i risultati delle inchieste, gli ennesimi progetti della sua amministrazione, già pronti come se fossero sempre stati lì in un cassetto.

Si sa che Veltroni è così.

È bravo ad annusare l’aria e a dire quel che la gente vuol sentirsi dire per scrollarsi subito il problema di dosso; e biascica quelle parole trite e false con l’aria sacerdotale di chi sta dicendo qualcosa che tutti assorbiranno come spugne, e tra cinque minuti si ricorderanno solo del suo nome: “Veltroni”, sempre lui, quello delle figurine e dell’Africa e del cinema e di Kennedy e di tutto l’armamentario del luogo-comunismo imperante.

È un campione di retorica.

Anni fa sull’Unità che dirigeva attaccò “Il Giornale” perché aveva pubblicato l’indirizzo di Violante. Non si fa così, disse, non si diffonde l’indirizzo di un bersaglio della mafia. E aggiunse testualmente: “troppi sono stati, in questi anni, i rosari di morti”.

Ma va’ là. Come se la mafia, per imparare certe cose, avesse bisogno di leggerle sul “Giornale”.

E anche stavolta Walter ricalca la parte.

Poi però d’improvviso muta espressione. Si fa come più sincero, più turbato, ma stavolta davvero, e non parla né dell’incidente, né dei morti, né della città.

Gli chiedono delle polemiche e lui non rintuzza saccente come fa sempre, ma se ne esce con questa frase: non mi aspettavo tutto questo livore su di me.

Per una volta, forse, Walterino ha visto lungo.

Ha sentito forte il fiato degli avvoltoi (“meno feste, più sicurezza”) ma non ha opposto il solito finto scandalo, la solita supponenza retorica.

Ha capito, tutto d’un tratto, forse davvero per la prima volta, che a un sacco di gente Veltroni sta proprio sulle palle.

Il corto stava sul secondo titolo, e si chiama Marco Follini.

Premetto che settimana scorsa l’ho incrociato a Roma. Camminava lungo via Barberini e- giuro- procedeva talmente sbilenco che da lontano l’avevo scambiato per un paraplegico o roba del genere. Probabilmente era fritto nei suoi pensieri (fra l’altro ho perfettamente capito il Berlusca che non poteva accettare i suoi diktat: già prende sì e no il 4%, in più sembra un mezzo mongolo…).

Bene, il suddetto stasera ha finalmente fondato l’Italia del Mezzo, il suo partitone senatoriale che punta a “dare voce a una parte grande dell’Italia che soffre uno schiacciamento della tenaglia di questo bipolarismo”.

Di per sé, ammettiamolo, è un grande idea.

Il problema è che ha il respiro corto, cortissimo.

Altro che contro il bipolarismo: è una garbata ma subdola via d’uscita per una lenta annessione alla banda ulivista.

Insomma, più che l’Italia del Mezzo pare l’Italia del Mezzuccio.

Infine, il pacioccone.

Non vi dirò chi è, ma stava sul terzo titolo.

È un genio che sta facendo le grandi sorti del paese con ogni dichiarazione, e quella di oggi si commenta da sé: benissimo le donne islamiche col velo, purchè si veda la faccia.

Cazzarola! Non ci avevamo pensato.

(E la sua? Quand’è che non la vedremo più?)

By Estiqatsi

Annunci

5 risposte a “Il lungo, il corto e il pacioccone.

  1. Nota sul pacioccone:
    una nuova mutazione anatomofisiologica, degna di studio si è, prepotentemente, manifestata.Uno scherzo della natura ha fatto si che in un primo ministro romano, della R.D.I, sfintere buccale ed anale si siano unificati con curiose ed inquietanti conseguenze. Pare che il nostro prode adulto ed eminente, mescoli intimamente eloquio e flatulenze. Confida un suo prossimo, grosso consigliori, che il primo romano si lavi i denti nel bidé, dopo essersi forbito con la carta igienica. Quando occorrono problemi dentali e maxillo facciali, non si ricorre al dentista, ma al proctologo. Queste confidenze sono state scritte su dei pizzini, di carta intestata della presidenza del consiglio.E’ una cosa, davvero, mirabile e curiosa. Semplificando: il romano invece di parlare come mangia, parla come haha (per dirla alla senese).

  2. estiqaatsi

    se era carta da culo intestata alla presidenza del consiglio, di sicuro ne sa qualcosa rovati.
    esti

  3. esti, questa battuta l’hai rubata ad una vignetta di Vincino, dicci la verità. Era disegnato uno seduto sul cesso con un foglio in mano e sotto : “la carta intestata del Presidente del Consiglio Prodi la usavano proprio tutti nel Palazzo”… sorta di ladro di battute!!!
    Sorvy

  4. estiqaatsi

    giuro che no, non me la ricordavo. non sono un maniaco fogliataro come te.

  5. Genialata, complimenti.
    Da piccolo sentivo “…non usano mai le pistole…” e mi dicevo, che fessi, arrivasse Tex Willer se li mangerebbe in un boccone…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...