In mezzo ai lupi.

 

Il Foglio 17.2.2007

IN MEZZO AI LUPI

I cattodemocratici chiedono ai vescovi di fare i pastori, Camillo Langone è d’accordo. A modo suo

“I vescovi facciano i pastori e non i politici”, dicono, e per una volta hanno ragione.

Parlando a vanvera può capitare di centrare casualmente il bersaglio. Sul quotidiano della Margherita, Europa, Alberto Monticone, Angelo Bertani e Aldo Maria Valli cercano di insegnare il mestiere ai vescovi e indicano, senza volerlo, la strada da seguire. Che i vescovi facciano i pastori, giustissimo, e pazienza se i tre volevano dire tutt’altro.

Nessuno di loro sembra provenire dalle regioni in cui la pastorizia ha radici più salde: Abruzzo, Lucania, Sardegna… Nessuno mostra di sapere che ancora oggi, nonostante il divieto assoluto di caccia, i pastori appena vedono un lupo sparano. Sull’appennino lucano, inerpicandosi da Tursi verso il Pollino, non è difficile vedere pelli di lupi appese alle porte degli stazzi. Ai pastori non gliene frega niente del Wwf, dei Verdi e della legge 968, vedono un lupo e gli sparano, lo scuoiano e lasciano la carcassa ai cani e ai corvi. Solo a quel punto gli chiedono se aveva fame e quali erano le sue intenzioni.

Uomini rudi per i quali la salvezza delle pecore viene prima, molto prima, del rispetto delle buone maniere. Perciò i cattodemocratici che vogliono una gerarchia molliccia devono dire esattamente il contrario: “I vescovi facciano i politici e non i pastori”. Secondo Monticone, un mangiaostie a tradimento che scrive papa minuscolo e Costituzione maiuscola, la Chiesa non deve compiere “atti di rilevanza politica”. Deve essere quindi irrilevante. E proseguire la “costruttiva tradizione dell’episcopato italiano degli ultimi anni”, quelli durante i quali molti pastori si distrassero e i lupi scesero a valle: divorzio, aborto, nuove chiese progettate da architetti anticristiani, declino della domenica…

Bertani dice che Ruini sta cercando di resuscitare il passato e non il Vangelo, può darsi, intanto lui sta cercando di strappare dal Nuovo Testamento la Lettera ai Romani. Valli intervista alcuni parroci allo sbando secondo i quali il vero problema è la mancanza di lavoro. Il Vaticano invece di prendersela coi matrimonietti dovrebbe costruire fabbriche al sud, sembra di capire. Un prete dice che i suoi  parrocchiani non credono più nell’indissolubilità del matrimonio e nell’obbligo di andare a messa però ha trovato una ricetta: l’ascolto.

Insomma il gregge si sta sparpagliando in ogni direzione e lui si è messo a registrare i belati. Su Repubblica c’è l’arcivescovo di Pisa, monsignor Plotti, che teme la nota vincolante sui matrimonietti e invoca collegialità. Come se i pastori del Pollino, quando il branco di lupi esce dal bosco, chiedessero la convocazione della conferenza allevatori lucani per decidere se imbracciare le doppiette. Ma quando mai.

I vescovi devono appunto tornare a fare i pastori, senza lasciarsi guidare dal gregge e meno che meno dai mangiaostie a tradimento che non sono veri cristiani ma veri roussoiani (non riconoscono il peccato originale, pensano che i lupi siano buoni o forse vittime di una società ingiusta che li ha resi carnivori).

 

Annunci

14 risposte a “In mezzo ai lupi.

  1. già, già… non esistono pastori no global, dato che per necessità di cose, si scontrano con la realtà ogni giorno…
    effettivamente mi piacerebbe vedere il Cardinale Ruini prendere prodino a bordonate… se lo scuoiasse sarebbe ancora meglio…

  2. Io di PASTORE ne conosco uno solo ed abita in basilicata.
    Greg

  3. ehilà! ho linkato anch’io questo articolo, alla fine del mio nuovo post.
    ti consiglio anche l’editoriale che ho scritto per Samizdatonline.
    ciao

  4. In effetti la tentazione di sparare a gente come Bush ed a tutte quelle fottutissime sette pseudo-religiose sguinzagliate per il pianeta dalle lobbies nord-americane è forte. Ma un cattolico non deve essere un bambinone istintivo : prima o poi esce da Santa Madre Chiesa, magari proclamando di essere obbedientissimo (a chi ? al “suo” cristo , con la minuscola ? al suo dio alibi ?) . No.
    Deve avere a cuore prima di tutto Cristo. Solo così scaccerà il lupo che è in lui.

  5. preferisco un protestante o un ateo che dice no all’aborto che un pseudocattolico alla prodi che non riesce a prendere una posizione, tranne quella che lo attacca alla poltrona.
    Dio è giusto, e non bada alle etichette.

  6. Chi in questi giorni non mi pare proprio un PASTORE è il Foglio.
    Il grande Giulianone prima ha dato un giudizio sostanzialmente positivo (o neutro se volete) sui DICO; poi, vista la reazione durissima del Papa e dei Vescovi ha fatto marcia indietro, ma senza strafare; adesso sta cercando di dare una sorta di giustificazione laica alla contrarietà ai DICO.

    Ma si vede lontano un miglio che non è convinto!

    Greg.

  7. Greg, ma tu che Foglio leggi?
    Sei sicuro che è lo stesso che leggo io?
    A volte si legge quello che si vuole leggere e si ignora quello che non si vuole leggere ma soprattutto si fa finta di non capire quello che non si vuole capire. E se anche fosse vero quel tuo “sostanzialmente”positivo … (ma dove ?!?! ma quando ?!?! ma chi ?!?!!) che cosa cambia?
    Mi preoccupano molto di più i cattolici confusi dei laici dubbiosi.
    E Ferrara grazie a Dio non è nell’uno nè l’altro…
    Eppoi…non mi dispiacerebbe neanche (qualora fosse vera) la tua interpretazione: Ferrara ha cambiato idea dopo aver visto la dura reazione del Papa. Ne avessimo noi cattolici di persone così… capaci di cambiare idea dopo aver ascoltato ciò che il Papa dice. Sarebbe commovente vedere laici che ascoltano il Papa molto più di tanti cattolici e cattolici adulti in particolare.
    Ferrara è un pover uomo anche lui, che sbaglia e commette tanti errori. Ma non mi pare che fra i suoi difetti ci sia quello di non dire le cose “papali papali”.
    Sorvy

  8. Colpito ed affondato!

    Greg

  9. Se Ferrara è un “pover uomo anche lui, che sbaglia e commette tanti errori” mica è colpa mia!!!!

    Greg

  10. Giuliano La Prostata è soltanto un classico sessantottino che ha a cuore solo che la realtà vada d’accordo con ciò che lui pensa. Che abbia una capacità di mettersi in discussione allo stato attuale non ne dà dimostrazione. Ovvero si mette in discussione solo quel tanto che basta per essere più efficente nel perseguire i propri progetti personali.
    Se non fosse ateo sarebbe un ottimo esempio del classico teista che negli States va per la maggiore. Io diffido di chi si atteggia a paladino difensore della vita e poi difende a spada tratta i responsabili del macello iracheno. Tipica ipocrisia protestante che ha colpito anche gran parte del mondo cattolico. In fondo Prodi e Ferrara si assomigliano più di quanto non si creda. L’unica differenza è che ciascuno opera i suoi misfatti nel posto di comando a lui più consono.

  11. estiqaatsie

    fang fatti vedere da qualcuno.

  12. Greg…ognuno pensi ai suoi errori. Io, per esempio ho commesso l’errore di averti creduto “non ancora comunista”. Tu di esserlo diventato…. comunista.
    Affondami su questo se ci riesci.

    🙂 🙂 🙂
    Sorvy

  13. Comunista? Mai.
    Democristiano? Sempre

    Ferrara? Socialista, democristiano, forzista a seconda delle necessità e dei tempoi…. ma sempre “con intelligenza”.
    L’intelligenza a servizio delle idee o l’inteligenza a servizio del padrone di turno? Il dubbio rimane, anche de sulla intelligenza non si discute.

    Greg

  14. Intendi uno psichiatra estiqaatsie ? Beh mi potresti dare qualche nome di quelli che frequenti tu : uno che ha un nickname come il tuo deve portarsi appresso una squadra di specialisti :-))

    Greg che Giulianone La Prostata sia intelligente può anche essere : quando la CIA sceglie qualcuno dei suoi uomini credo faccia una certa selezione. Poi , sai, anche loro sono uomini e qualche svarione lo possono anche fare…la Farina del diavolo dopotutto va sempre in crusca.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...