La rinascita della politica parte dal Nord.

news:rosi.jpg

“E’ chiaro che non sono soddisfatto del risultato, al nord del Paese c’e’ un disagio evidente nei confronti della politica”

Romano Prodi

Adesso però smettiamola con sta puttanata della crisi della politica. Se si perdono le elezioni la crisi è solo di chi le perde. Chi prende il 60 o il 70 % nelle città del nord non soffe di crisi della “politica” EVIDENTEMENTE.

E’ in crisi Berlusconi che aumenta i suoi voti? E’ in crisi la Lega che cresce ovunque? E’ in crisi Alleanza Nazionale che conquista città del Centro-Sud (Reggio Calabria, Lecce, Latina, Rieti) con percentuali altissime? Alleanza Nazionale aumenta anche sensibilmente al nord… A parte l’UDC che non fatto scintille (e qui si gode!) tutti i partiti del centro destra sono aumentati in modo considerevole. Al nord moltissimo (con percentuali bulgare e mai raggiunte prima d’ora) ma anche nel centro sud si è avanzato nella media.

La sinistra la deve smettere di impossessarsi di termini che non appartengono a nessuno come “la gente”, “la politica”, “la società civile”. Che idiozia è quella di dire che se il popolo non vota per te ma vota (in massa) per un altro allora “è in crisi”. Ma chi vi credete di essere? Ma smettetela… rosiconi!!!!

La gente, la politica, la società civile non è proprietà di nessuno. Se c’è qualcosa in crisi è questo governo e quella parodia di presidente del consiglio con la faccia da prete sfigato … Ahi capito, mortadellone?

Annunci

13 risposte a “La rinascita della politica parte dal Nord.

  1. Berlusconi: tutta l’Italia ha punito Prodi «FI ha fatto il pieno, una bella lezione per tanti presunti leader del Polo». Oggi forse salirà al Colle STRUMENTIVERSIONE STAMPABILEI PIU’ LETTIINVIA QUESTO ARTICOLO
    ROMA — Ufficialmente parlerà solo oggi, con i dati definitivi alla mano, ma il giudizio di Berlusconi sul voto era già abbastanza maturo, oltre che euforico, ieri sera: «Abbiamo vinto. Non solo il Nord, tutta l’Italia ha punito Prodi. Vinciamo con percentuali che tanti anni fa erano della sinistra, siamo sempre di più maggioranza nel Paese. Ora dall’altra parte comincerà la notte dei lunghi coltelli, noi dobbiamo stare solo a guardare».
    Parole e argomenti li ha spesi ieri pomeriggio, man mano che i dati arrivano, con i vertici di Forza Italia, gli amici, gli alleati. Almeno quelli con i quali c’è ancora grande sintonia, perché «per tanti altri presunti leader del centrodestra questo voto è una bella lezione». Casini, forse anche Fini: il Cavaliere esce galvanizzato dal voto non solo per il risultato della maggioranza. Esulta in privato che «per il pieno che ha fatto Forza Italia», per il contributo che lui stesso, in prima persona, ha dato alla campagna elettorale. «Io come sempre ci ho messo la faccia, ho fatto i comizi, come un ragazzino. Gli altri? Non fatemi parlare…».

    In Forza Italia l’analisi è all’insegna dell’entusiasmo. Per Sandro Bondi si è «semplicemente stravinto». Per Roberto Formigoni «la sinistra al Nord torna all’età della pietra». Per Paolo Bonaiuti, portavoce del Cavaliere, «siamo di fronte a una valanga di voti che punisce il governo delle tasse. Da domani Prodi dovrà fare i conti con una squadra, si fa per dire, in cui conta sempre di più la sinistra estrema».

    È anche sui numeri assoluti, piuttosto che sulle città conquistate o perse, che si forma l’analisi del centrodestra. Lo dicono in Forza Italia, convinti che i dati definitivi segneranno «una catastrofe per il Partito democratico». Lo dicono anche in An: «I numeri dicono che il centrosinistra non è più maggioranza nel Paese. E con un centrosinistra molto più debole qualcosa accadrà anche nel governo», dichiara Gianfranco Fini, convinto al contempo che ora più che mai tocchi al centrodestra «assumere una forte iniziativa politica».
    Di spallata però non parla nessuno, lo stesso Bonaiuti dice che «sarà molto difficile scollare dalla poltrona questo governo». Mentre della possibile salita al Colle, adombrata dall’ex premier tre giorni fa in caso di schiacciante vittoria, nessuno parla più ufficialmente. Berlusconi però non ha cambiato idea: non è escluso che oggi, o domani, chieda udienza al Quirinale.

  2. Fanginoooo! Albertinoooo!
    Bau Setteteeeeeee!
    Sancho

  3. A quelli con l’ossessione di Berlusconi…ohhh yeeeee.
    A quelli che non fanno più commenti ohhh yeeee.
    A quelli che le hanno sparate a cazzo incatenato ohhhhhh yeeeeeeeeee.
    E che non possono neanche più andare in Francia che c’è l’altro nano oh yeeeeeeeee.
    Sancho

  4. Sorvy, godo anch’io, ma cum grano salis.
    Quelli della CDL dovrebbero tener ben presente che la vittoria non è per la loro bravura, ma per l’incommensurabile coglioneria dei “coglioni”.
    Gia sento dichiarazioni, Fini e Maroni, che fanno venire i brividi. Non dimentichiamoci, poi, che Casini è sempre lì. Speriamo che non si butti via anche questa occasione, ma sono molto scettico.
    Il pirla è il tensore umano al limite dell’infinito, figuriamoci poi se ha fame e di potere.
    Aggrappiamoci ai kabasisi e sperem.

    Triario

  5. Tirato in ballo rispondo volentieri. Evidentemente non mi leggi con attenzione. Dovreste ridimensionare il vostro entusiasmo perchè il vostro distacco dalla realtà si fa sempre più serio. E lasciamo stare la Francia che lì la destra è tutta un’altra cosa.

    Berlusconi ha perso una marea di voti nelle elezioni locali passate, col governo in carica, quindi cerchiamo di essere meno puerili.

    Nullità-Berlusconi vince in alternativa a Nullità-Prodi, una volta l’uno, una volta l’altro, per pochi voti. L’ennesima auspicata spallata non c’è, come previsto, perchè come ti ho già fatto notare la maggioranza che aveva il venditore di tappeti nel 1994 se la scorda ormai per sempre. Ho detto qualcosa di sbagliato?

    Cosa aggiungere? Che ha vinto il nord produttivo e dinamico? Direi che sono cazzi. Hai letto cosa pensa il titolare del blog dei “libbberali” e hai visto quanto è liberale il venditore di tappeti? Il massimo che può proporre il centrodestra in questa paralisi generale è più soldi ai pensionati e agli statali. Ora continua a ridere, evidentemente sei un pensionato o un lavoratore statale.

  6. Sancho lavoratore statale?!? Pensionato?!?
    🙂
    🙂
    🙂
    🙂
    hi, hi, hi …..

  7. No, no Albertino. Non ti leggo con attenzione, non riesco con i singulti di riso.
    L’unico a prenderti sul serio sei solo tu che continui a ripeere le stesse cose.
    Una cosa l’abbiamo capito non sei di sinistra, non sei di destra. Te la fai da solo.
    Raccogliamo le offerte per le visite oculistiche.
    Sancho

  8. povero alberto…
    un altro con problemi gastrici?

  9. Problemi gastrici? Sì molti, ma non è invidia per Berlusconi, sono gli effetti della politica e degli elettori italiani.

    Me la faccio da solo? Non c’è problema, per me le pippe non sono peccato. Ma tu in coscienza riesci a distinguere questa destra da questa sinistra? A parte le cazzate da brochure dei partiti, intendo.

    Se Sancho è lavoratore autonomo mi dispiace per lui. Preparerà la vaselina come tutti gli altri. C’è da trovare altri 101 euri per gli statali, una spesa ancora non coperta, questa è la verità. Ora provate a dire che con Berlusconi la musica cambierà (come nel 1994), così mi salvo questo link e ve lo faccio rileggere nella prossima legislatura, quando il nano firmerà per 202 euri agli statali e 10.000 euri di minima ai pensionati.

  10. Alberto, se ti fai le pippe è un problema tuo… ma poi non ti stupire se ti riduci a salvare il link di un povero blog per farti dare ragione un domani da persone che manco conosci. Io e Greg almeno ci scazziamo e ci fanculiamo tutti i giorni ma almeno una volta o due all’anno ci facciamo delle mangiate di orecchiette alle cime di rapa bagnate dal negramaro del Salento che …”tutto passa e tutto se ne va” e torniamo più amici di prima. Alberto si fa per scherzare, per divertirsi… togli quel broncio post sega!
    Berlusconi passa, tutto passa… ma le seghe fanno l’uomo cieco.
    Sorvy

  11. La buttiamo sul ridere e finisce a tarallucci e vino? Ti piace assai la stagnazione italiana eh? 😉

  12. la stagnazione italiana è colpa dell’attuale governo

  13. Pefettamente d’accordo sorvy.. ebbasta con queste parole neutre monopolizzate dalla sinistra.. comportament0 alla cui origine sta l’estrema supponenza di rappresentare, sempre e comunque, tutti gli italiani… per me giocatore di videogiochi sarebbe facile dire “fly down noob”, ma è troppo colloquiale :p

    Ottimo post.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...