Il Topolino dei bambini palestinesi.

Da maggio scorso la tv “Al Aqsa” di Hamas ha mandato in onda da Gaza la serie “Pionieri di domani”, starring, appunto, un copia di Mickey Mouse che per diverse settimane, fra le proteste internazionali, ha esortato i bambini appartenenti all’Islam a unirsi alla lotta contro gli USA e Israele. “Restituiremo” diceva Farfur “la comunità islamica alla sua antica grandezza e libereremo Gerusalemme, con l’aiuto di Dio, libereremo l’Iraq, e libereremo tutti i paesi invasi dagli assassini….o Gerusalemme”. 

Un Topolino che invece di far ridere e di spingere a belle imprese, uccide e viene ucciso.

Annunci

74 risposte a “Il Topolino dei bambini palestinesi.

  1. infatti.
    ho visto il video, e fa vomitare.
    c’è da considerare che ai tempi del fascismo avevano prodotto dei cartoni di propaganda, ma non avevano mai osato distribuirli… magari si vergognavano o pensavano che la gente non era così imbecille da credergli…
    gli arabi ,invece, no.
    che magari siano un cultura inferiore?
    vorrei proprio sapere cosa ne dice al culs…

  2. Poveri bambini palestinesi!

    Greg

  3. Io sono un cretino. Fang

  4. Interessante come chi inventa una diavoleria sia l’ultimo ad essere accusato. Riguardo alla Disney c’è un bel dossier per come utilizzi (Disney stesso era massone dell’Ordine massonico De Molay e Walt Disney, nel museo della massoneria di Bayreuth, è onorato alla stessa stregua di presidenti USA e di premi Nobel).
    Film d’animazione famosi come Anastasia e Pocahontas dove lo “spirito dell’albero” incoraggia a entrare in contatto con gli spiriti, invocandoli esattamente come farebbe una medium del New Age. Anche molti cartoni animati rendono familiare il bambino con pratiche, simboli e concetti esoterici e magici.
    Una grande campagna pubblicitaria ha annunciato l’arrivo nelle edicole del nuovo mensile della Disney “Witch” (in inglese “strega”) destinato ad un pubblico di adolescenti.
    “Witch”, il nuovo mensile della Disney, si pubblicizza invitando gli adolescenti a leggere “il futuro nel thè” o a scoprire “piccoli incantesimi per conquistare chi sai tu”. Un’altra pubblicazione della stessa casa editrice, “Minni and company”, che si rivolge alle bambine, ha proposto argomenti esoterici o tipicamente “New Age”.
    Molto vi è da dire sulla catechesi disneyana .
    Gli animali parlanti di Disney vivono in un tempo senza passato e senza futuro, in una città in cui il principale problema, a parte smascherare i colpevoli dei furti, è costituito dall’organizzazione dei party per la raccolta di fondi a scopo caritatevole. Non hanno padre né madre, se adulti vivono da eterni fidanzati cui il matrimonio è precluso: queste, sono le regole tassative dettate dalla casa madre ai disegnatori della multinazionale.
    Ha ragione il cardinale di Boston O’Malley quando asseriva che negli Stati Uniti più che di un aumento della religiosità c’è un aumento della credulità.
    E se dovete fare la morale a qualcuno fatela a chi non abita in un lager a cielo aperto come Gaza.

  5. Oooohh Greg… cominciavo a preoccuparmi. Ma che fine hai fatto? Non mi dire che sei stato al mare se no comincio ad avere un travaso di bile…
    Dai che se ce la faccio stasera ti chiamo.
    🙂 Sorvy

  6. Domenicotis

    “..Interessante come chi inventa una diavoleria sia l’ultimo ad essere accusato..”

    Assolutamente d’accordo, infatti hamas è sempre l’ultimo ad essere accusato di nefandezze (sempre che venga accusato) e soprattutto per colpa degli israeliani. Mai che venga trattato per quello che è: un’organizzazione di luridi terroristi che sparano anche sul proprio popolo (chissà perché questa volta non si dice che a fare fuoco sono stati degli israeliani cammuffati da palestinesi 🙂

  7. Io sono un cretino. Fang

  8. La differenza tra israeliani e terroristi islamisti (palestinesi, iracheni, ecc.)…
    http://ilmiscredente.blogspot.com/2006/07/la-differenza-fra-israeliani-e.html

  9. Ai detentori di verità assolute (ovviamente tutte anti-americane, anti-semite e anti-occidentali in genere) consiglierei inoltre una bella ripassatina al significato del precetto islamico detto “taqiyya”…
    http://en.wikipedia.org/wiki/Taqiyya

  10. Inoltre, sempre a queste “anime belle”, consiglierei una ripassatina alla storia di quel pezzettino di terra chiamato Israele…
    http://www.terrorismawareness.org/what-really-happened/

    Scusami caro Sorvy per questa raffica di commenti. Potevo farne uno solo, ma con tutti questi link sarebbe finito in moderazione.

    Saluti.

  11. Io sono un cretino. Fang

  12. CENSURA PER APOLOGIA DI NAZISMO.

  13. CENSURA PER APOLOGIA DI NAZISMO.

  14. Fang,
    è incredibile la disinvoltura con cui citi una fonte che si preoccupa quasi esclusivamente di gettar fango su Israele. L’unica grande “colpa” degli israeliani è quella di non voler ostentare/sfruttare – come invece fanno gli islamisti – le vittime degli attentati terroristici.
    Ripassati quel che scrissi sulla differenza tra israeliani e terroristi islamisti (che ho citato in uno dei precedenti commenti) e dimmi se la vignetta ivi pubblicata non rappresenta la realtà…

    Al Quds,
    i miei complimenti per aver citato come fonte uno dei migliori interpreti di questo precetto islamico…

    E, a proposito di “occupazione” della Palestina, evidentemente non conosci la storia o la vuoi ignorare, come infatti fa la maggior parte dei musulmani.

    Saluti a voi… fratelli.

  15. Domenicotis

    Fang, personalmente delle testate israeliane me ne sbatto perché non mi sento minacciato. Israele non vuole conquistarmi, non vuole assoggettare tutti i cristiani sotto la legge ebraica. I fanatici islamici al massimo livello possibile, che tutti voi difendete a spada tratta, desiderano farlo più di ogni altra cosa ed è per questo, come potrai ben immaginare, le armi nucleari in mano a dei pazzi come Ahmadinejad che minacciano un giorno si e pure l’altro non solo israele ma tutto l’occiedente, non mi fanno sentire tanto tranquillo (eufemismo :).
    Per quanto riguarda il potere mondiale vorrei portare alla tua attenzione il fatto non trascurabile che gli sceicchi e vari despota islamici stanno acquistando un po’ tutto l’occidente un pezzetto per volta. E ti preoccupi di Bush e degli ebrei dei ‘ savi di sion’ ?
    Spero non te la prenderai, ma le opinioni come le tue sono un aiuto in più per i terroristi.

  16. Io sono un cretino. Fang

  17. Io sono un antisemita e pure cretino. Fang

  18. Io sono cretino, antisemita, e filonazista. Fin qui passi. Ma che mi spacci pure per ciellino è veramente troppo. Sono proprio un coglione patentato. Fang

  19. Credimi Fang, quel discorso del Papa l’ho letto, come dici tu, “mooolte volte” e l’ho anche citato a suo tempo…
    http://ilmiscredente.blogspot.com/2006/09/con-il-papa-e-con-oriana-fallaci.html

    Per il resto, sei talmente ossessionato dai sionisti che ti sei perfino preoccupato di precisare come quella vignetta, da me indicata, non possa essere una fonte!
    Infatti non è una fonte, ma una semplice descrizione della realtà.
    Vuoi forse negare il fatto che i terroristi islamisti usino i civili come scudi?
    Il recente conflitto tra Libano e Israele non ti ha proprio insegnato nulla, quando i “tuoi amici” Hezbollah lanciavano razzi da zone abitate?

    Sempre la tua ossessione per gli ebrei ti ha fatto stilare un lungo elenco di “sporchi sionisti” che ricoprono ruoli fondamentali in importanti aziende.
    Ovviamente non ti sei mai chiesto come abbia fatto questa gente ad arrivare tanto in alto nonostante gli ebrei siano oggetto di persecuzione da secoli.

    Io una spiegazione ce l’avrei…
    Ti sei mai chiesto perché tra i grandi geni dell’umanità ci siano spesso ebrei, come, ad esempio, Einstein?
    Lo so, è una questione controversa, ma – alla luce dei fatti – credo che non si possa negare il fatto che il quoziente intellettivo medio della popolazione ebraica sia uno tra i più alti – se non il più elevato – rispetto al resto dell’umanità.
    E’ quindi, secondo me, più che ovvio che siano ebrei molti personaggi che sono riusciti ad avere successo nella vita.

    Il grande problema però che affligge l’uomo è proprio la grande diffusione di uno, secondo me, dei peggiori peccati capitali tra i sette elencati nel cattolicesimo: l’invidia.
    Credo infatti che sia stata soprattutto l’invidia delle superiori capacità dell’etnia ebraica a causarne la persecuzione nei secoli da parte degli altri popoli.
    E l’invidia, si sa, è un sentimento che rende ciechi e da cui nasce odio. Quell’odio che permea la gran parte del mondo islamico verso ebrei e occidente in generale.

    Per il resto, come ha scritto Domenicotis, è verissimo che “gli sceicchi e vari despota islamici stanno acquistando un po’ tutto l’occidente un pezzetto per volta”. E sono gli stessi che foraggiano a piene mani i terroristi islamisti.
    Ma ovviamente questo non lo vuoi vedere e, per questo, hai saputo solo contrapporre un listone di sionisti in posizioni di potere.

    Sei talmente ossessionato che non mi meraviglierebbe affatto saperti schierato tra coloro i quali ritengono – nonostante infinite evidenze contrarie – che gli attentati dell’undici settembre 2001 siano un complotto giudaico massonico.

    Come ha scritto Joseph Ratzinger – poco prima di diventare papa Benedetto XVI – nel libro L’Europa di Benedetto nella crisi delle culture, “[…] Il cristianesimo, fin dal principio, ha compreso sé stesso come la religione del Logos, come la religione secondo ragione. […]”.
    Ragione, caro Fang, che sinceramente non riesco a riscontrare nel tuo atteggiamento, simile in tutto e per tutto a quello dei fondamentalisti islamisti.

    Un cordiale saluto.

  20. Io sono cretino, antisemita, e filonazista. Fin qui passi. Ma che mi spacci pure per ciellino è veramente troppo. Sono proprio un coglione patentato. Fang

  21. CENSURA PER APOLOGIA DI NAZISMO.

  22. ah , beh.
    al culs e il koglione di turno non hanno niente da dire su quel topolino suicida…
    scusa al culs, non è vero che maometto si faceva sodomizzare da un somaro?
    de gustibus non disputandom…

  23. CENSURA PER APOLOGIA DI NAZISMO.

  24. CHE BELLO!
    allora l’autorità palestina è più al livello dei fascisti che dei nazisti! ne sono contento.
    ma però rimane il fatto che dei dementi abbiano potuto sceneggiarlo, produrlo, e metterlo in onda….
    e una cosa , io e te non siamo fratelli, al culs.
    io non sono nato da una cammella di facili costumi e insani principi.
    e poi devi ancora rispondermi sul quel rottinc.***o di maometto o mohamed …

  25. CENSURATO !

  26. trovato il fratello di al culs!

  27. CENSURA PER APOLOGIA DI NAZISMO.

  28. Carissimo Sorvy, o chi per te, ti sei dimenticato, per essere sovietico (o sionista fai tu) al 100% , di censurare anche Ludgerus (4° commento) .

    Ribadisco comunque il fatto che puoi fare il cavolo che vuoi, e se non gradisci la discussione metti una password, un questionario per discernere chi ha la tua stessa misura mentale, ma non puoi pretendere che , dopo aver offeso e dato spazio a chi offende la dignità della persona , io non ti dica ciò che meriti.

  29. Sul disprezzo per Gesù Cristo crocifisso in Israele : http://www.ilcircolo.net/lia/000590.php

  30. Nonostante questo io non mi azzardo a chiamare con termini razzisti o fare riferimento ad etnie particolari gli autori di queste schifezze. La responsabilità è sempre PERSONALE e mai di gruppo , come invece si vuole fare in questo blog. Una cosa è chi sbaglia un’altra cosa è lo sbaglio. Il fondamentalismo (cristiano, islamico, sionista, indù, etc.) è non accettare che un altro abbia un rapporto con il Mistero diverso dal mio , e questa è una cosa . Chi lo professa è un’altra. E quindi non giudico chi sputa su un Crocifisso, ma vivaddio l’atto sì ! ed un ceffone glielo avrei dato anch’io !

  31. Domenicotis

    —Vedo che alcuni commenti sono stati cancellati, in ogni caso debbo una risposta a Fang—–

    Ahi, ahi Fang!
    Mi cadi anche tu nella trappola dell’antisemitismo?
    Gli ebrei non possono detenere posizioni importanti in una libera società?
    Sei forse un fautore delle ‘leggi razziali’ che negavano agli ebrei di fare determinati lavori?
    O vogliamo tirar fuori la cavolata dei ‘savi di Sion’, visto che ci siamo?
    E’ un po’ come dire che la FIAT è dominata dal Vaticano perché la famiglia Agnelli è cattolica.
    Se basta essere ebrei per sentir ‘puzza’ di cospirazione allora, per par condicio, eccoti una piccola lista di nomi musulmani:

    Il principe saudita Al Waleed bin Talan, che occupa il sesto posto nella classifica degli uomini più ricchi del mondo, ha investimenti in tutte le maggiori aziende del pianeta (compresa Mediaset) nonché molte proprietà ‘ultralussuose’ in Inghilterra.

    Gaith Rashad Pharaon finanziatore di terroristi e responsabile del crollo della BCCI attraverso cui, tra le altre cose, venivano acquistate illegalmente molte banche negli USA e in Europa.

    Abdullah Taha Bakhsh che congiuntamente al socio Khalid Bin Mahfouz era a capo di un impero bancario nel quale sono stati rilevanti i flussi di capitali di proprietà di Osama Bin Laden, nonché detentore di una quota della Harken Energy, compagnia petrolifera statunitense. I due erano anche azionisti della BCCI.

    E guarda che questi nomi, nei siti vicino al cospirazionismo indimediano, sono in qualche modo legati a Bush. Quindi le fonti non ti faranno sicuramente schifo 🙂

    Insomma io mi preoccuperei molto più dei ricchi sauditi (Moore nel suo film ha parlato di miliardi di dollari investiti nei soli USA) che non dei ricchi ebrei visto che questi ultimi fanno parte pienamente ed integralmente dell’Occidente, lo stesso che gli islamici vogliono spazzare via.

  32. Caro Domenicotis, impara a tenere conto del contesto in cui viene scritto qualche cosa.
    La lista che ho postato era in risposta al fatto che gli “sceicchi” sarebbero quelli che si comprano l’Occidente. Come già detto sopra , la responsabilità poi è personale. Certamente ho ritenuto opportuno dare spazio al giudizio di una persona (Israel Shamir, poi convertitosi a Gesù Cristo) anche sul tipo di “gestione” che viene tenuta da questa lobby. Certamente non ne faccio come su questo blog ne fate voi, una questione razziale. Ritengo, lo ripeto visto che non mi hai letto, che le prime vittime siano gli ebrei stessi. Ad esempio quelli della lista di proscrizione stilata dai fanatici di masada2000, già giustificati da qualcuno di questo blog.

  33. Sei fenomenale Domenicotis :-)) ! Ancora una volta dopo avermi accusato di trattare le cose in maniera “razziale” , mi tiri fuori una serie di personaggi (come giustamente fai notare tu) strettamente funzionali al potere neoconsionista solo perchè di “etnia” araba :-)) !!. Come dire : arabo=terrorista e quindi dove c’è l’arabo c’è pericolo per l’Occidente (eccezion fatta per Magdy, chiaro) . Ovvero la gravità dell’onnipresente Bin Laden non è tanto nel fatto di essere (stato?) agente della CIA , ma nel fatto di essere arabo.

    Detto per inciso, fu deciso da parte degli USA di fare fuori Saddam Hussein perchè lui non era come i principi sauditi che spendevano i miliardi in lusso e prostitute, ma i soldi li utilizzava per il suo Paese, seppure a prezzo di una feroce dittatura (mai così feroce come la decisione usraeliana di sacrificare il popolo iracheno).

    Riguardo ai sauditi non preoccuparti : li lasciano arrivare fin dove è stato stabilito lo possano fare e soprattutto dove serve.

    Esiste viceversa uno Stato extraeuropeo, che per anni ha dissanguato gli Stati Uniti. L’America si è dissanguata per Israele.
    Israele non avrebbe potuto esistere senza gli aiuti continui, al ritmo di 5 miliardi di dollari l’anno, che venivano apertamente da Washington, e le incalcolabili somme occulte consistenti nelle rimesse della diaspora e nei rifornimenti militari, di fatto gratuiti.
    Senza quel fiume di denaro, gli israeliani avrebbero dovuto vivere al livello di vita dei loro vicini palestinesi.
    Quella israeliana è la sola economia sana di questo momento storico.
    La sola per cui la guerra perpetua sia redditizia, e per cui la concorrenza cinese e indiana non sia dannosa sul piano sociale ed umano.
    Israele è arrivato a questo miracolo grazie al dollaro USA, e alla dollarizzazione della sua economia, che per decenni l’ha messa al riparo dalle tempeste inflazionistiche, l’ha stabilizzata, le ha evitato dolorosi sacrifici che avrebbero intaccato la prosperità della sua popolazione.

    Tu dici che sì vabbè , però fanno parte a pieno titolo dell’Occidente , mentre gli arabi no. E quindi, siccome c’è lo scontro di civiltà è tutto ok.

    Va bene , ho capito. Bisogna spiegare agli americani che stanno crepando e stanno andando letteralmente in malora per degli “occidentali” e non per degli arabi. Così sono soddisfatti.
    Ci saranno sempre dei ricchi principi sauditi che avendo le briciole del potere (e tanti soldi, sì certo) costituiranno un alibi perfetto.

  34. Fang, più scrivi e più dimostri – come ti ho già detto – di non usare la ragione.

    Se ti dai una ripassata alla storia di Israele e del territorio circostante (http://www.conceptwizard.com/nutoo/nutshell3.html), scoprirai come lo stato palestinese non sia mai realmente esistito come tale e che gli ebrei sono – pur tra le continue vessazioni da parte delle popolazioni arabe – presenti da più di duemila anni in questa area del mondo.

    Tu continui a recriminare il fatto che siano stati dati soldi a Israele.
    Ma con tutti i tentativi di annientamento (falliti) da parte dei paesi arabi circostanti, come avrebbe potuto sopravvivere lo stato ebraico senza “contributi” dall’esterno?
    Hanno forse fatto male gli USA ed altri paesi ad aiutare Israele evitandogli un altro olocausto?

    Perché allora non ti lamenti del fiume di denaro che continua a fluire al popolo palestinese, ovvero – per meglio dire – ai vari capi e capetti di questi popoli, da parte dell’Occidente?
    Lo sai (vero?) come questo fiume smisurato di soldi viene impiegato?
    Ti ricordi, quando morì quel terrorista e guerrafondaio di Arafat (incredibilmente premiato col Nobel per la pace – premio ormai quasi esclusivamente riservato a personaggi come quell’ipocrita/trasformista di Dario Fo), che si venne a sapere di immense fortune da lui accumulate trattenendole con ogni probabilità dai contributi destinati al popolo palestinese?
    Se tutto quel denaro fosse stato utilizzato veramente per contribuire al miglioramento delle condizioni di vita dei palestinesi, anziché continuare a comprare armi (fino a prova contraria, molto più costose del pane) allo scopo di annientare Israele, forse (direi “molto forse”, per una miriade di altri motivi che non sto qui ad elencare) oggi la situazione sarebbe profondamente diversa in meglio per tutti.

    Ma credo sia meglio che mi fermi qui, perché temo che discutere con i “complottisti ad oltranza” sia solo tempo sprecato.

    Un cordiale saluto.

  35. Mi pare che tra censure, insulti da bettole della Padania e quant’altro , non si vogliano commentare dei gravissimi fatti che sono stati denunciati accadere nella “unica democrazia del Medio Oriente”.
    Ho come l’impressione che questo blog sia un blog “false flag”, nel senso che afferma di essere qualche cosa , ma ne afferma un’altra.
    – vi si afferma essere un blog vicinissimo alla Chiesa Cattolica, ma si schifano le dichiarazioni dei suoi vescovi con pesanti attacchi personali ed insulti.
    – vi si afferma essere un blog antirazzista, ma si trattano gli argomenti con categorie che potevano essere benissimo usate nelle piantagioni di cotone degli Stati Uniti ai tempi dello schiavismo (ed anche dopo) o nel Sudafrica dell’apartheid.
    -vi si afferma di essere un blog antisemita, ma tratta gli arabi (semiti) come subumani (o untermenschen se preferite) e non si scherza nemmeno con gli ebrei che non sostengono il regime segregazionista israeliano trattandoli come dei dementi ( nè più nè meno come trattavano i comunisti del PCI ai tempi dell’URSS i dissidenti o testimoni scomodi come padre Leoni, ma a parziale discapito loro rispetto a qua, diciamo che non esisteva internet e la impossibilità di conoscere la situazione era pressochè totale, a parte eroici personaggi come padre Scalfi)
    – vi si afferma di essere un blog filo-israeliano , non preoccupandosi di conoscere la reale situazione di questo stato artificialmente costruito nel 1948 , che non possiede nemmeno una costituzione e da cui sempre più gente se ne va.
    – vi si afferma di essere un blog per la democrazia e si difendono due stati in cui la democrazia ogni giorno subisce un giro di vite camuffato da “lotta al terrorismo” ed esportano non la democrazia, ma il terrore , la instabilità. la morte.
    – vi si afferma di essere un blog filo-americano , ma non si rispetta la volontà della ormai maggioranza degli americani di non volere più Bush
    – vi si afferma di non essere “de sinistra” , ma il modo di procedere è decisamente sovietico
    Conclusione : avete mai pensato a diventare giornalisti come Betulla ? Lui dicendo che faceva una cosa facendone un’altra ci ha pure guadagnato sopra.

  36. Caro Miscredente, la ragione è una cosa seria e bisogna usarla davvero.

    Riguardo a chi ha diritto alla Palestina, leggevo tempo fa un articolo di padre Labib Kobti, sacerdote libanese, che affermava che circa il 95% degli ebrei russi, polacchi e tedeschi sono ebrei convertiti dell’antico impero Khazar, ovvero questi ebrei non sono quelli del Vecchio Testamento: come possono affermare che “Dio ha dato loro la Palestina”?
    Nel 1897 le statistiche dell’Impero Ottomano ci dicono che nella provincia della Palestina risiedevano 563.000 persone, delle quali 529.000 arabi palestinesi (musulmani e cristiani) e 21.500 ebrei. L’immigrazione piu’ massiccia di ebrei in Palestina comincio’ dopo la Prima Guerra Mondiale fino a toccare il 20% della popolazione nell’anno 1936 (che possedeva il 5% della terra). E concludeva “Dopo tutto cio’, credete ancora che gli ebrei abbiano diritto alla terra dei palestinesi piu’ dei palestinesi stessi?”
    Ora lo Stato di Israele si autoproclama Stato “ebraico” : alla faccia di un paese laico, democratico alla “occidentale”. Neanche una teocrazia musulmana giunge ad identificare il proprio stato su basi razziali !
    Si capisce quindi come mai la Santa Sede non volle avere con il nascente stato relazioni diplomatiche.

    Sorvolo sul fatto che tu giustifichi che uno stato debba svenarsi , fare la guerra ed andare in rovina per mantenere uno stato straniero (che peraltro spesso e volentieri influenza la vita e la politica di chi lo beneficia). Se ti sta bene fatti cittadino statunitense , poi però non parlare male dei kamikaze visto che sei il primo a volerti suicidare :-)) !!

    Oh sì parliamo di soldi :
    Il governo israeliano decide di restituire, finalmente circa 600 milioni di dollari che teneva illegalmente sequestrati (Lo sai (vero?):-)) ai palestinesi dal gennaio 2006, data della straripante vittoria elettorale (regolare) di Hamas. Ma quei soldi non andranno ai palestinesi, bensì al signor Abbas, presidente del nuovo Bantustan della West Bank.
    I palestinesi, non solo quelli che muoiono trincerati a Gaza, ma anche la maggioranza degli altri, lo considerano già un traditore della loro causa.
    Eh sì già però quante armi che ha Hamas !!!! Dove le ha prese ? Tutto materiale preso a Fatah, dopo aver fatto irruzione nei quartieri della security di Fatah.
    Valore: sui 400 milioni di dollari. Dono del contribuente degli Stati Uniti.
    Con le armi, gli armati di Hamas hanno messo le mani su qualcosa di ancor più preoccupante: computer e documenti della CIA contenenti «informazioni sulla collaborazione tra Fatah e gli enti di sicurezza israeliani e americani; istruzioni CIA di come prevenire attacchi e contrattaccare; su come smantellare le cellule di Hamas; progetti di assassinio di membri di Hamas da parte di membri di Fatah; e studi americani sulla situazione di sicurezza a Gaza».
    Così Aaron Klein, corrispondente del sito neocon WorldNet Daily. (“Hamas lists seized Us weapons”, WorldNet Daily, 20 giugno 2007).
    Sniff sniff, sento odore di una leggera interferenza nella politica interna palestinese !!!

    E pensare che politici palestinesi bravi ne esisterebbero , se non li arrestassero (rapissero è più giusto dire) gli israeliani : esempio : Israele ha annunciato sì la liberazione di 250 palestinesi detenuti nelle sue galere, ma non libera Marwan Barghouti: il solo dei detenuti che saprebbe prendere dignitosamente il posto di Abu Mazen, riunificare il popolo palestinese, farsi ascoltare da Hamas e trattare con serietà. Barghouti ha troppo prestigio ed è troppo razionale. Uno statista in fieri, che è meglio tenere dietro le sbarre.

    Sono d’accordissimo invece con te su una cosa, ragazzo . L’ultima che hai detto . Che è meglio che ti fermi lì .
    Non però che il tempo sia sprecato, perchè ritengo che denunciare la mistificazione che sta avvenendo ed a cui voi partecipate (coscientemente od incoscientemente non sta a me dirlo) sia un mio preciso dovere.

  37. Domenicotis

    E secondo te perché avrei scritto proprio quei nomi?
    Essenzialmente per tre ragioni:
    1- Gira e rigira, le ‘mosse’ che vengono attribuite ai sionisti, non sono molto diverse da quelle che potrebbero essere imputate ai musulmani.
    Il problema non è etnico ma culturale. E la cultura islamica integralista è lontana anni luce da quella occidentale. Bin Laden e soci sono pericolosi perché fanatici maomettani, punto.
    2- Il potere economico islamico è pari se non superiore a quello ebraico. Se tra i musulmani la povertà è più marcata, non credo che la colpa sia da imputare ad altri.
    3- A Bush, e in definitiva ai poteri forti, importa ‘na sega di allearsi con i ricchi cristiani, i ricchi sionisti o i ricchi islamici, fondamentale è invece ottenere un qualche ritorno economico o strategico. Con buona pace di tutte le teorie complottistiche antiebraiche.

    Saddam Hussein spendeva i suoi miliardi in armamenti, altro che per la sua gente. Voleva il predominio nella regione. Non nego che la sua dittatura ha fatto comodo poiché impediva il proliferare del fondamentalismo religioso. Ma poi ha fatto una stronzata dietro l’altra e non ha saputo quando fermarsi sempre per la sua smodata voglia di controllare la regione del golfo.
    Mi spieghi che c’entra Israele con il sacrificio del popolo irakeno?

    Permettimi di contestare la visione di un Israele parassita degli USA.
    Innanzitutto le rimesse dall’estero sono tipiche di qualsiasi Stato (e anzi per taluni sono una benedizione, com’è avvenuto per l’Italia) in cui una discreta percentuale del popolo vive all’estero.
    Non vedo perché Israele non dovrebbe contare su questa risorsa.
    Quanto alle condizioni di vita, come ho scritto e come ha già esposto il miscredente, il problema non cosnsiste nell’avere il denaro, ma nel saperlo e soprattutto volerlo investire per creare benessere.
    Israele ha adottato il sistema capitalista che ha dato i suoi frutti. I paesi confinanti hanno continuato a piangersi addosso invece di tirare su le maniche e darsi da fare. Vedo nazioni uscite disastrate dall’esperienza comunista che stanno (alcune lentamente altre in maniera più rapida) riguadagnando terreno. E’ la volontà che manca non i mezzi.
    Be’ che dire della ‘dollarizzazione della sua economia’? L’avessimo fatta anche noi!! 😀
    L’America si è ‘dissanguata’ per ben altre cause. Con Israele ha pure risparmiato inviando solo le armi senza costruire delle basi 🙂

    Fang non capisco perché metti di mezzo sempre gli arabi. Non tutti gli islamici sono arabi. Te lo ripeto è una questione culturale e non altro. E gli israeliani provengono per la maggior parte dall’Occidente, importando nel loro paese una mentalità molto più compatibile con la nostra.

    “….Ci saranno sempre dei ricchi principi sauditi ….”
    Ecco, se son ricchi e arabi non sono colpevoli di nulla, a prescindere.

  38. Domenicotis, il fondamentalismo islamico è di fatto una creatura di USA ed Israele (già per loro conto dominati da fondamentalisti sionisti ed ultimamente evangelicals). Originariamente creato per cingere d’assedio l’URSS ed in seguito usato per creare la emergenza continua della “lotta al terrorismo” e quindi della “guerra preventiva” continua. Bin Laden e soci sono solo delle figure di secondo piano. Quando qualche cosa non funziona o sfugge dal controllo scatta , l’azione “correttiva”. Un esempio, ribadisco, è proprio Saddam Hussein. Sostenuto dagli USA contro Khomeini (già usato in funzione anti-URSS) in quanto diventato non più utile e dannoso, rischiava di formare un polo stabile per la regione, Cosa inaccettabile per Israele che ha un unico obiettivo : avere l’egemonia su tutta l’area (e non solo quella !!)
    Politicamente parlando era certamente una dittatura, e questo era un limite, ma la povertà è iniziata con la prima guerra del Golfo e poi soprattutto con l’embargo.
    Ah già , la “povertà dei paesi musulmani”. Per una volta sono d’accordo con te : il problema è culturale, anzi educativo. Israele lo sa , gli USA lo sanno, e su questo infatti trovano buon gioco nel tenere in mano un paese. Basta corrompere i politici, sostenere il dittatore (da una parte) e “creare l’opposizione” dall’altra (si chiami fondamentalismo islamico o movimento di liberazione non importa). Una dittatura vive solo se c’è un “movimento di liberazione”, ormai lo sanno anche i sassi. Nel mondo musulmano, la protesta politica e sociale suole esprimersi nel linguaggio “religioso” (come da noi si espresse nel linguaggio marxista, e per gli stessi motivi: perché è il linguaggio “legittimante” per le istanze dei poveri).
    Se poi questo non basta, se come nel caso dei palestinesi o degli iracheni, l’orgoglio nazionale è forte, allora interviene la mano pesante. Magari arrestando (sequestrando) i politici validi come Barghouti (di cui ho già parlato precedentemente).
    Ma gli usraeliani ne hanno ancora per poco. L’aggressione contro il Libano è un segnale in questo senso. Non tanto perchè il Tsahal per la prima volta ne è uscito con le ossa rotte, ma perchè per la prima volta il “divide et impera” israeliano non ha funzionato e mai come quella volta il Libano è stato unito contro l’invasore. Anche gli americani si stanno ribellando all’uomo che li ha portati dentro alla tragedia irachena che si è rivelata una trappola. Voglia Dio che non abbia il tempo di scagliare la sua ferocia fanatica contro la Siria o contro l’Iran.

  39. fang , sei un fessacchiotto…
    come diavolo fa un paese che non arriva a 5 milioni di abitanti a dominare l’area che ne conta almeno 15 volte tanto? e abitanti ostili poi…
    prova a spiegare.

  40. Credo che Caposkaw dovrebbe visitare una qualche prigione. Lui non ci crederà , ma nelle prigioni poche persone riescono a dominare migliaia di prigionieri.

    Domenicotis parlava di “rimesse” degli immigrati . Ecco qua un esempio , uno dei tanti, di “rimessa” in favore di Israele :

    Non è una novità l’appoggio che le «chiese» americane e i loro telepredicatori danno ad Israele, nella convinzione di accelerare così il secondo avvento di Gesù, la ricostruzione del «tempio» ebraico e la fine del mondo, quando i buoni americani saranno rapiti in cielo e tutti gli altri cattivi resteranno sulla terra a subire la «tribolazione».

    Questa visione fanta-religiosa è stata abilmente sfruttata dalla nota lobby per mobilitare i fedeli evangelici americani (almeno 70 milioni) concretamente a favore di Israele.
    Il rabbi Yechiel Eckstein si è vantato da solo di aver raccolto, dai protestanti messianici, 100 milioni di dollari in sette anni.
    Fiumi di denaro che vanno a pagare gli insediamenti illegali dei fanatici ebraici in Palestina, ma non solo.
    Non è nemmeno ignoto che la propaganda «evangelica» USA, pagata dai «fedeli» e sostenuta da migliaia di «pastori missionari»; penetra l’America Latina con lo scopo preciso di cancellare il cattolicesimo tradizionale, ma anche in Giappone, in Africa, in India e Cina.

    Leggiti poi questo : Charles St. Prot, «Les Eglises évangéliques et le jeu des Etats-Unis dans le monde arabe», Rèseau Voltaire, 14 novembre 2005.

    Insomma per lo stato di Israele la religione “cristiana” è un business, anzi , una fonte di denaro “gratis et amore dei” , in minuscolo perchè in realtà Nostro Signore non c’entra niente.

    Oh, a proposito, mi ero dimenticato di dirti che se qualche paese confinante con Israele si azzardasse a “rimboccarsi le maniche” e ad uscire dal disastro in cui era precipitato (un esempio a caso : il Libano) ci pensa subito il glorioso Tsahal a riportarlo ,non dico all’età della pietra come avevano detto di fare e lo hanno fatto con l’Iraq, a livelli accettabili (per Israele). In fondo in ambienti neoconsionisti una accusa di “terrorismo” non si nega a nessuno.

  41. la lobby ebraica è padrona del mondo. Hanno giornali, eserciti, capitali finanziarie, hanno la Cia, hanno le televisioni, hanno Bush e Berlusconi, hanno Blair, hanno l’Europa e pure l’America (del Nord e del Sud), hanno le piramidi, hanno il Cremlino, L’Australia è loro, ma anche il Giappone… controllano ogni foglia che si muova in medio-oriente, hanno inventato Al Qaida, gli ebrei hanno abbattuto le due torri gemelle per dare la colpa ai musulmani, hanno dato il poetere a Hitler (il quale, forse, non è mai esistito). Gli ebrei si sono messi nei forni crematori da soli per potere fare le vittime e goderne in vantaggi in futuro. Ma erano dieci non di più. Altro che milioni. Gli ebrei sono sporchi. Gli ebrei sono infidi. Gli ebrei sono cattivi. Gli ebrei meritano di tornare nei ghetti (che forse non sono mai esistiti). Gli ebrei …

    Sarà per queste argomentazioni di Fang e di Ludgerus che IO AMO GLI EBREI.
    LI AMO PROFONDAMENTE.
    Sorvy

  42. E quando mai ho parlato male degli ebrei e dell’ebraismo ? Io parlo male di ciò che è sbagliato. Quando 2000 anni fa Dio si è incarnato ha fatto lo stesso ed io cerco (da peccatore indegno quale sono) di imitarlo.
    Se la prese con il fariseismo e non con i farisei , ed infatti alcuni di loro seppero riconoscerlo perchè amavano la Verità più della ideologia in cui erano cresciuti.
    E non mi risulta che questi Gesù li chiamasse “imbecilli” o che li mettesse in una lista di proscrizione con l’etichetta di “ebrei che odiano sè stessi” (vedi masada2000).
    Il tuo problema caro ragazzo è che se non ami la Verità , in realtà non ami neanche gli ebrei.

  43. il tuo problema Fang è che sei un esaurito. Usi a sproposito il ciellinese. Fatti curare!
    Sorvy

  44. sei il primo caso di naziciellino che mi capita di incontrare. Argomenti nazisti in salsa ciellina. Roba indigestissima. Su con la vita. Se ti prendi così sul serio finisci in cura. O fai discorsi ciellini o fai il nazistello. Il mix è vomitevole.
    Sorvy

  45. SORVY, Repubblica (incredibile ma vero) ha pubblicato il VIDEO dei brogli dell’UNIONE facendo uno SCOOP da PAURA !
    è una roba da pazzi criminali.
    Vattelo a vedere e passa parola (da me poi trovi tutti i link nell’ultimo post, in ogni caso sta tutto sulla HP di REP (ti toccherà linkarla 😉 )

  46. Secondo me a non avere le idee chiare sei tu ragazzo : sulla Chiesa Cattolica, su Giussani e su CL, sull’Islam, sull’Ebraismo, sul fondamentalismo, sulla realtà, sulla vita, su te stesso. Auguri di cuore.

  47. Un proverbio arabo per fratello Sorvy da leggersi ogni tanto (meglio tutti giorni) 😉 :

    “Dio ci ha dato due orecchie ed una sola bocca per ascoltare almeno il doppio di quanto diciamo.”

  48. “[…] Nel 1897 le statistiche dell’Impero Ottomano […]”… fantastica questa fonte!

    “[…] il fondamentalismo islamico è di fatto una creatura di USA ed Israele […]”FANG! Ma ti rendi conto di quello che scrivi?
    Da queste tue affermazioni si potrebbe tranquillamente presumere che il Corano sia stato inventato dagli avi degli ebrei e di quelli che sono diventati il popolo USA e che Maometto fosse un loro scagnozzo!

    E dopo certe immonde stronzate hai pure il coraggio di venire a parlare di Verità?

    Ci sarebbe forse anche da ridere, ma di fronte ad una disgrazia, come quella che ti deve essere capitata e che ti ha portato a sragionare in questo modo, l’unico sentimento che rimane è la pietà.

  49. al culs è tornato!
    allora, maometto si faceva sodomizzare o no?

  50. fang ,io in una galera ci sono stato, e ho notato una cosa. se i carcerati non collaborano con le guardie, non si fanno dominare.
    la tua idea geniale è che gli ebrei vogliono trasformare il medio oriente in una prigione?
    e i caproni che impestano casa nostra, tipo al culs, cosa sono? in permesso premio?
    l’unico modo che hanno gli ebrei per dominare il medio oriente è uccidere tutti gli abitanti.
    l’hanno fatto o no?
    ma tu odi gli ebrei perchè “sono gli assassini di Cristo ” (che fesseria!) o perchè sei solo un miserabile invidioso?

  51. Anch’io frequento una prigione (per lavoro) in Italia ed ho notato alcune differenza con il lager di Gaza.

    – Qui ci sono gli avvocati ed i processi.
    -I detenuti sono maggiorenni e non ci sono bambini.
    -La acqua ed il cibo viene servito tutti i giorni.
    -Non ci sono celle con i fori di proiettili di elicotteri.
    -La sera si dorme benissimo perchè non ci sono esplosioni.
    -I poliziotti possono sparare solo per legittima difesa e non possono torturare.
    -Alla fine ti lasciano uscire e cooperative ti aiutano pure a trovare lavoro ed imparare mestiere.

    Fratello Caposkaw : forse è per questo che i prigionieri italiani collaborano 😉 ?

  52. al culs , se non hai notato, mi stai dando ragione.
    se quelle sono le caratteristiche di una prigione, il medio oriente NON è una prigione.
    e gli ebrei non sono dei carcerieri.

  53. Che fai Capo, lo spiritoso ? Si sta parlando di un lager a cielo aperto come Gaza , di sequestri e cecchinaggi, di bombardamento continuo e tu ti permetti di scherzarci su ? Ti permetti di insinuare che questi , oltre ad essere seviziati giornalmente non sono neppure capaci di ribellarsi ai loro aguzzini ?
    Ringrazia il cielo di essere in Italia (e non in altre parti dell’Accidente come in USA dove ti mettono al rogo dopo 30 anni di attesa nella cella della morte (non esattamente come le prigioni italiane). Qui, grazie a Dio siamo ancora europei e non “occidentali”.
    Io non “odio” gli ebrei , non odio nessuno , ma odio l’imbecillità, quella sì.

    Una domanda a Sorvy : quando “esamini” un post per decidere se censurarlo o no ti servi di una commissione di inchiesta ? di una assemblea permanente ? di una autority ? di un comitato per la difesa dell’Accidente o quant’altro ? Così tanto per sapere . Ah forse ho capito : per essere simile al tuo mito alcoholic Bush consulti prima la Bibbia :-)) !!

  54. esaminaniamo con serietà le tue cazzate:

    Si sta parlando di un lager a cielo aperto come Gaza , di sequestri e cecchinaggi, di bombardamento continuo e tu ti permetti di scherzarci su ?

    lager = campo di prigionia o stermino
    fino all’intifada i palestini potevano andare a lavorare in Israele. dopo l’intifada no, per ovvi motivi. quindi i palestini si sono chiusi dentro la loro prigione da solo. diciamo quindi in un autolager.
    sequestri e cecchinaggi : effettivamente ci sono , ma operati dai palestini.
    bombardamento continuo: è vero , i missili quassan continuano a colpire Israele , partendo dalla palestina.
    mi permetto di scherzarci su ? certo, alla faccia dei deficenti come te.

    Ti permetti di insinuare che questi , oltre ad essere seviziati giornalmente non sono neppure capaci di ribellarsi ai loro aguzzini ?

    a quanto pare gli isrealiani hanno una pazienza infinita…
    sai come potrebbero fare per risolvere il problema di gaza?
    prima bombardamento d’artiglieria continuo e millimetrico , secondo usare bombe incendiarie, terzo usare i gas velenosi. quarto con gli aerei distruggere tutto quello che sembra vivo o si muove.
    ti sembra che gli ebrei hanno fatto così?
    no? e allora chiudi il becco.

    al rogo dopo 30 anni in America?
    se tu credi che usino le fascine di legno o la sedia elettrica , sei veramente ignorante, dato che la maggior parte degli stati con la pena di morte usa l’iniezione letale e ci sono stati senza pena di morte…
    l’unica cosa che dimostri è di essere un imbecille ignorante.

  55. Per la precisione sono 9 gli stati dove ancora è prevista la sedia elettrica e di questi nel Nebraska è tuttora l’unico “metodo” previsto. Ma forse questi stati non sono “occidentali”, boh…
    I missili qassan hanno la “forza distruttiva” un po’ più grande di un petardo, ma del resto bisogna pure dargli la possibilità di “ribellarsi” no ? Non eri tu che dicevi che se non collaborano non sono dominati ?
    Riguardo a cecchinaggi, bombardamenti, sequestri , etc. che ti devo dire ? Leggiti le notizie da me riportate o aspetta che Sorvy dia il nihil obstat alla notizia sull’ultima vittima a cui hanno dovuto amputare le gambe, documentata da video e denunciata da associazioni giornalistiche (è un giornalista).
    Informati ragazzo , becco chiuso, meno minchiate e più osservazione : giungerai alla Verità 😉 !

  56. …e per una volta un proverbio italiano …

    “Il diavolo (o in questo caso la CIA) fa le pentole , ma non i coperchi”…

    http://www.payvand.com/news/06/mar/1090.html#_ftnref1

  57. Domenicotis

    Il fondamentalismo religioso e la violenza che ne consegue oltre ad essere tipica del mondo islamico, non è nemmeno recente. E’ sempre esistita in quei paesi. Fin dall’inizio dell’immigrazione ebraica, ancor prima della formazione di Israele, erano frequenti gli attacchi contro i coloni. L’unico fenomeno recente (anni 70) è la consapevolezza dei vari dittatorucoli di potersi confrontare con i paesi occidentali facendo leva sul fanatismo religioso. Se è vero che gli USA ne hanno approfittato è altrettanto vero che i paesi più integralisti lo erano già da tempo. Parlo del Sudan, dell’Arabia Saudita e dell’Iran dove la Rivoluzione Islamica non fu certo desiderata dalla CIA.
    La povertà dei musulmani, per Israele, non è come pensi un fattore positivo visto che i rapporti con i paesi confinanti dotati di un certo tenore economico erano di fatto normalizzati da anni. Solo la guerra civile libanese e la conseguente nascita di Hezbollah (che si affiancava all’OLP) ha causato l’intervento armato israeliano. Dopo la fine del conflitto, il Libano si stava riprendendo (ecco cosa intendo per rimboccarsi le maniche) fino a quando Nasrallah ha deciso di riprendere le ostilità non solo contro il vicino ‘ingombrante’ ma anche contro gli oppositori interni. Il conflitto che ne è seguito, se permetti, ha risolto il problema del lancio dei missili, ha portato il governo del Libano (ma anche buona parte della popolazione) a chiedersi se è il caso di continuare a convivere con gli Hezbollah e soprattutto a far intervenire (fortemente voluta dalla milizia) quell’organizzazione buona solo a fare risoluzioni che nessuno rispetta.
    In ogni caso, scusami, ma qui c’è un equivoco di fondo. Non spetta allo stato israeliano l’educazione dei palestinesi, ma a chi è stato deputato a governarli, e se poi scelgono Hamas ne devono accettare le conseguenze.

    Che ci siano delle Chiese protestanti che donano milioni di euro ai rabbini non mi sembra illegale,
    stupido forse, ma perfettamente lecito. Ognuno fa quel che cavolo vuole con i propri soldi. Sarà per questo che non mi attirano molto i predicatori e preferisco restare cattolico 🙂

  58. piccolo equivoco di fondo.
    fessacchiotto d’un fang. europa e non occidente?
    a quale europa ti richiami? alla germania nazista?
    se l’occidente non ti piace , vattene.
    vai dal buco di cammello da dove viene al culs, e poi vediamo.
    tempo 1 mese che ti fanno la pelle, perchè se uno è imbecille è imbecille dovunque, e i paesi capronici non sono molto rinomati per la tolleranza.
    e ricordati fessacchiotto (e anche al culs) , che è solo per la NOSTRA tolleranza che sei ancora vivo e puoi sparar c***e .
    ovviamente se le cose peggiorano, la tolleranza può svanire…

  59. Ricevo e con piacere riporto questa piccola storia…

    What happens when a fly falls into a coffee cup?

    *The Englishman*: Throws away the cup of coffee and walks away .

    *The American*: Takes out the fly and drinks the coffee.

    *The Chinese*: Eats the fly and throws away the coffee.

    *The Japanese*: Drinks the coffee with the fly, since it was extra.

    *The Israeli*: Sells the coffee to the American, the fly to the Chinese, and buys himself a new cup of coffee.

    *The Palestinian*: Blames the Israeli for the violent act of putting the fly in his coffee; asks the UN for aid; takes a loan from the European Union to buy a new cup of coffee; uses the money to purchase explosives, then blows up the coffee house, where: The Englishman, the American, the Chinese, and the Japanese (and maybe FANG too) are all trying to explain to the Israeli that he was too aggressive.

  60. Vabbè , lasciamo stare le stronzate del pitecantropo qua sopra in pieno delirio antisemita (più lo ascolto e più mi convinco che la cura disintossicante che sta facendo non la segue).

    Ne deduco che per te ciò che è legale caro Miscredente allora è perciò stesso morale ? Beh , alla faccia dell’essere cattolico ! Vabbè, forse per te l’aborto al massimo è stupido !

    Sei tu che hai equivocato alla grande quello che volevo dire io : intendevo dire che finchè Israele tiene i palestinesi sotto torchio, arresta i suoi politici più validi ed interferisce (per usare un eufemismo) nella loro vita politico-sociale, la situazione non potrà certamente risolversi. Il problema non è che Israele non può occuparsi dell’educazione dei palestinesi, il problema è che dei palestinesi Israele se ne “occupa” troppo !

    Scusa, ma la conosci la storia (almeno quella recente) del Libano (oltre che degli altri paesi medio orientali, Israele compreso . Curiosità :la conosci la storia della banda Stern ?) . Solo chi non ha presente la complessità di quello che è successo negli ultimi 35 anni ed anche la complessa realtà sociale del Libano può sparare un giudizio così confuso, privo di senso. Tra l’altro ignorando le pressochè continue ed ininterrotte violazioni dello spazio territoriale libanese da parte di Israele : una notizia per te . Gli Hezbollah nel sud del Libano ci abitano da secoli, è casa loro a buon diritto.

    Mi limito solo a controbattere il tuo concetto che (se ho ben capito) il conflitto del 2006 (in realtà una feroce aggressione israeliana contro la popolazione civile libanese, come hanno anche denunciato i vescovi libanesi a suo tempo) avrebbe convinto tra le altre cose la popolazione libanese “ a chiedersi se è il caso di continuare a convivere con gli Hezbollah” . La situazione è un po’ diversa e complessa .Basterebbe solo ricordare la manifestazione di Beirut del 1° dicembre 2006.
    La maggioranza della popolazione, guidata dal generale Michel Aoun e da sayyed Hassan Nasrallah, decide quel giorno di afferrare le redini degli eventi, da mesi manifesta in modo massiccio la sua opposizione e inizia la sua battaglia:
    a) contro coloro che vogliono continuare nella vecchia politica di corruzione, di concessioni e di tradimento;
    b) contro il governo di Fouad Siniora e dei suoi alleati collaborazionisti dei nemici usraeliani del Libano
    Innanzitutto, il sit-in (che si svolge ancor oggi nelle due piazze del centro di Beirut – Piazza Riad Solh e Piazza dei Martiri – ) non è organizzato esclusivamente dall’Hezbollah, come dicono i media occidentali.
    Ma anche:
    a) dal CPL – Courant patriotique libre (Movimento patriottico libero), il partito del generale Michel Aoun;
    b) dai Màrada, maroniti del nord del Libano fedeli alla famiglia Frangìyeh, rappresentata oggi da Sleimane Frangìyeh, nipote dell’ex presidente della Repubblica libanese;
    c) dai sunniti guidati da Omar Karameh – già primo ministro e deputato, attualmente leader di Tripoli – e da Oussama Saad, deputato di Sidone;
    d) dai drusi dell’emiro Talal Arslan.
    Semmai è Siniora (al quale Washington ha mandato 280 milioni di dollari in armamenti) ad essere quindi inviso ai libanesi , non Nasrallah.
    I libanesi sanno che il loro paese rischia di divenire una base americana contro la Siria e quindi con l’incubo di distruzione, disgregazione di popoli interi, avvelenamenti di future generazioni da uranio impoverito, disordine, omicidi, aborti malformati.

  61. *The fly* : asks to the Israeli where he found a so great bullshit that says so great anti-semite and defamating jokes .

  62. tonnellate di chiacchere fangose non portano a una mezza verità.

  63. […] una feroce aggressione israeliana contro la popolazione civile libanese, come hanno anche denunciato i vescovi libanesi a suo tempo […]

    FANG, sei in pieno delirio (tanto per cambiare) e quindi completamente cieco di fronte alla smaccata ed evidentissima vigliaccheria degli islamisti. Oltre a tutto ciò ti sei fatto infarcire il cervello dalla tempesta mediatica messa in atto (tanto per cambiare) contro Israele e che ha visto coinvolta persino la Reuters, oltre a varie branche del cattolicesimo storicamente antisemite e di cui, evidentemente, sei parte.

    Questi vigliacchi islamisti hanno usato i civili come scudo, lanciando razzi dai centri abitati contro Israele e causandone un’ovvia reazione atta ad annientare le basi di lancio.
    Cosa avrebbero dovuto fare gli israeliani? Beccarsi i razzi e starsene buoni senza provare a difendersi?

    Quelli che sostengono che… “la risposta di Israele è stata sproporzionata” dovrebbero ripassarsi la storia dell’inizio di questo conflitto…
    http://liberopensiero.blogosfere.it/2006/08/israele_tutto_s.html

    Quest ultima “crisi” (per usare un eufemismo) tra Libano ed Israele ha visto i tuoi amici terroristi islamisti (in questo caso gli Hezbollah) usare le persone (non importa se anche erano bambini) sia come scudi umani sia per fare disinformazione.

    …continua…

  64. A tal proposito consiglio la lettura di un post di Deborah Fait…
    http://deborahfait.ilcannocchiale.it/?id_blogdoc=1113887
    … sulla molto dubbia “tempistica” della strage di Qana.

    …continua…

  65. In questo caso, come in tanti altri (ad esempio in Palestina), hanno persino usato i cadaveri per la loro propaganda…
    http://eureferendum.blogspot.com/2006/07/milking-it.html
    … così, senza alcuna pietà o vergogna.

    L’ho già scritto e lo ribadisco. Israele, al contrario di quel che fanno tutti quei vigliacchi islamisti, non ha mai ostentato i propri morti.

    A tal proposito Riporto un articoletto tratto da “Il Foglio” del 23/08/2006, nel quale ho evidenziato in grassetto alcuni passaggi che ritengo importanti.


    Consigli a Reuters

    Suggerimenti alle agenzie come la Reuters, che ha dovuto ritirare 920 foto dagli archivi per le contraffazioni di un suo operatore. Lo stabilimento vicino Tiberiade per la lavorazione dei pomodori è il più grande del medio oriente. Già dal viale vicino al cancello d’ingresso si vede però che qualcosa non quadra, la ditta è una delle più ordinate e pulite della sua categoria, e da lontano invece si nota uno sconquasso. “Ma come – dice il direttore – non sapete che un razzo katiusha ha preso in pieno lo stabilimento? Basta entrare per vedere a che cosa siamo scampati, fortuna che il razzo è caduto di shabbat, in settimana ci lavorano dieci persone, quasi tutte della stessa famiglia”. Lungo la costruzione semidemolita ci sono ammassi di scatole di passata di pomodoro forate. Dentro il tetto è sfondato, i macchinari e le pareti sono un colabrodo, la poltiglia rossa è volata dappertutto. E’ l’effetto delle 40 mila biglie di acciaio (proibite dalla convenzione di Ginevra) hezbollah che hanno fatto strage di lattine di conserva. Ci sono anche le nostre di sugo Star, il 60 per cento della salsa è destinata all’estero. Non sarebbe una meravigliosa photo opportunity? Viene in mente un altro capannone arrossato, quello delle ferrovie di Haifa dove sono morti otto operai in condizioni simili. Le foto delle vittime non sono mai state divulgate. Per scelta d’Israele.

  66. Chiudo con piccole (nel senso di poco “elevate”) considerazioni “ad personam”…

    FANG… “bel” nome e direi anche molto appropriato. Aggiungendo una “O” finale, è aderente perfettamente a tutto quello che scrivi sugli USA, Israele e l’Occidente in generale.

    E, per finire, un indovinello facile facile…
    Lo sai qual è quell’animale, “molto caro” ai musulmani, che come te ama sguazzare nel FANG(O)?
    Non sarà che anche tu…?

    Orsù FANG, abbi pietà di noi e smettila di “grugnire”!

  67. Mah , caro miscredente, confermo la mia convinzione che tu della situazione medio orientale conosci poco , ma male. Sorvolo sulle solite farneticazioni a cui la Faith ci ha abituato e sulle vecchie fandonie dei “revisionisti” di Qana e dei vari massacri di cui Israele si è resa responsabile in Libano nel 2006.
    La stessa aggressione israeliana al Libano chi l’ha iniziata ? Vatti a leggere Sami Moubayed, «It’s war by any other name», Asia Times, 15 luglio 2006 : l’analista afferma tra l’altro : «Tutto è cominciato il 12 luglio, quando truppe israeliane sono cadute in un agguato sul versante libanese della frontiera con Israele. Hezbollah, che controlla il Libano meridionale, immediatamente ha colpito quelli che attraversavano. Ha arrestato due soldati israeliani, ne ha uccisi otto e feriti oltre venti nel contrattacco dentro al territorio israeliano». Ovvero , secondo questa versione, è stato un corpo armato sionista a sconfinare in territorio libanese. Gli sconfinamenti e le violazioni territoriali israeliane in territorio libanese sono stati (e sono) innumerevoli e documentati, ma non fanno notizia.
    Il problema ,caro mio, è la politica che Israele ha “riservato” al Libano e che persegue con tutti i mezzi e cioè distruggere e smembrare il Libano ed impedire ad ogni costo che il Libano sia unito, forte, sovrano. Fatti una visita sulla “shit-list” dei fanatici di masada2000 : lì è pieno di ebrei (questi sì degni di tale nome) anti-sionisti ed alcuni di loro, come il compianto Israel Shahak hanno speso la loro vita a spiegare in che consista la “politica” israeliana. (cfr come esempio : Israel Shahak, «Jewish history, jewish religion. The weight of three thousand years», Pluto press, London, 1994, pp. 128)

  68. Sul “vizietto” israeliano di sconfinare in Libano mi permetto di dare il mio contributo con questo articolo di Ran HaCohen :

    http://www.antiwar.com/hacohen/?articleid=9442

  69. Fandonie?
    Revisionisti?
    FANG, sarai pure il più grande “esperto di medio oriente” che frequenta questo blog (anche se propenderei molto più per la definizione di “esperto di mistificazioni della storia mediorientale”), ma desumo che tu non abbia minimamente letto neppure il link che ti ho proposto subito dopo quello di Deborah Fait. E ce ne sarebbero anche tanti altri a prova delle tantissime macchinazioni degli islamisti… Ma tanto è tutto inutile di fronte ai fanatici amanti del FANG(O) e delle menzogne.

    Resta il fatto che anche se Israele e gli israeliani non sono “perfetti” (allo stesso modo come non lo siamo noi), restano sempre di gran lunga migliori dei vigliacchi islamisti col culto della morte anziché della vita.
    Ma sono anche di gran lunga meglio di tutte quelle piccole persone fanatiche e “montate” come te.

    Passo la parola al nostro “esperto” di FANG(O) e chiudo…

  70. Passiamo invece la parola a Gideon Levy :

    http://www.haaretz.com/hasen/spages/757768.html

  71. La storia della Reuters (a proposito : è di proprietà ebraica , detto en passant, così solo per curiosità, nessuna illazione ci mancherebbe !) e del fotografo Adnan Haji appassionato di Photoshop è vecchia alquanto. Al riguardo invito a leggere questo articolo

    http://www.fotoinfo.net/speciale/detail.php?ID=403

    che , tra l’altro, contiene una interessante intervista a Bruno Stevens , fotoreporter free lance e “specialista” di situazioni di guerra e quindi il suo giudizio , in quanto si basa su esperienza vissuta, credo sia autorevole e degno di considerazione.

  72. Esempio di occidentali che si “rimboccano le maniche” :

    http://it.wikipedia.org/wiki/Strage_di_Haditha

    Degna di nota la posizione di alcoholic-Bush in merito alla vicenda . Ecco la sua reale preoccupazione :

    “Il presidente George W. Bush si è detto preoccupato per il danno d’immagine che la vicenda sta creando agli Stati Uniti.”

  73. che palle!
    ma vi pagano per diffondere ‘ste cazzate?
    ma non riuscite ad avere un , dico uno, pensiero indipendente?
    e poi , un mare di balle , non fa mezza verità…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...