ANDREA’S VERSION del 23.10.2007

Non ha sfilato contro il suo governo, “Io sono comunista, non sono mica scemo”, ha tenuto a precisare Oliviero Diliberto. Non è la prima volta che lo dice. Un’altra volta lo disse a Vicenza, erano i giorni in cui Prodi aveva detto sì alla base americana e Diliberto mobilitava contro. Manifesta contro il suo governo?, gli domandarono. “Io sono comunista, non sono mica scemo”. E se ne andò. E’ un concetto che Diliberto ripete molto volentieri. Un’altra occasione per esprimerlo, e per esprimerlo col malcelato compiacimento con cui ogni volta lo comunica, gli venne fornita nel contesto di una polemica su Cuba, su Castro, sui prigionieri politici e sui diritti umani che in quella benedetta isola di tanto in tanto incespicano. Il segretario dei comunisti italiani, subito dopo aver premesso: “Io sono comunista, non sono mica scemo”, spiegò come lui stesse, contemporaneamente, col comunismo e con la libertà, con la dittatura del partito unico e con i diritti politici, col castrismo e col suo opposto. E allora non era meglio: “Io sono scemo, non sono mica comunista”?

DA IL FOGLIO DEL 23.10.2007

Annunci

Una risposta a “ANDREA’S VERSION del 23.10.2007

  1. è un’autentico problema di lana caprina.
    “non sono scemo, “ma” sono comunista.” .
    al che è peggio di essere lobotomizzati… 😀

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...