Sancho and Sorvy and Greg and italian politics

 

SANCHO:”A proposito Greg, Casini tuo è tornato all’ovile con la coda tra le chiappe… sniff sniff… odore di elezioni.”
GREG:”Ma quale ovile???”

SORVY: Quello della Casa delle Libertà


GREG: “Quello di Berlusconi???”

SORVY: Si , per l’appunto. La coalizione retta da Berlusconi. Silvio Berlusconi ne è il leader incontrastato da ben tredici anni.

GREG: “Quello della casa delle libertà, che non esiste più???”
SORVY: La Casa delle Libertà esiste. Essa è composta da partiti che raccolgono oltre la metà dei voti degli italiani (stando a tutti i sondaggi: fra il 55% ed il 60% ). Ti ricordo che alle scorse elezioni politiche la CDL conquistò 200.000 voti in più della sinistra al Senato e perse alla Camera per soli 24.000 voti. Questi sono fatti. Sono numeri. Con qualsiasi altra legge elettorale la sinistra non avrebbe potuto governare, quindi non si lamenti: il porcellum ha solo dato un grosso aiuto a Prodi ed è stata la più colossale zappata sui piedi per la CDL. Perfino Casini, l’irrequieto, oggi è tornato a più miti consigli. Non si distingue più. E’ tornato all’ovile di Silvio, mansueto, belante e zelante. L’altro ieri ha partecipato alla riunione della CDL di Palazzo Grazioli (casa privata di Silvio) applaudito come il figliol prodigo. Mi dispiace molto. Sei rimasto solo, Greg. Con Follini, of course!

GREG: “Quello dei circoli delle libertà, che è solo virtuale??? ”
SORVY: Bè, anche il partito di Forza Italia è un partito virtuale. Non è stato sempre detto così? Ma pur sempre il primo partito italiano. Anzi Veltroni col suo partito democratico lo prende a modello.

GREG: Ma non fammi ridere

SORVY: Benvenuto fra noi, del club dello strafalcione!

GREG: “il quadro politico sta mutando velocemente, non te ne sei ancora accorto??”
SORVY: il quadro politico in Italia è in mutazione dal 1994, anno in cui tutto cambiò. Del resto c’erano stati 50 anni in cui non si era mossa una foglia… e comunque se il quadro politico “sta mutando velocemente” dobvrebbe incoraggiare il voto non scoraggiarlo. Il Paese cambia, la politica è in forte evoluzione, il governo non governa: SI VOTI! La “cadrega” purtroppo conta più dell’Italia e degli italiani. Votare non è mai stato un delitto. Piuttosto che l’ingovernabilità eretto a regime. Oggi noi siamo al grottesco. Ogni votazione è diventata una burla, una pagliacciata, con stracci che volano fra i ministri di uno stesso governo. Roba da ridere. Che si parli di Pacs, di Ponte sullo stretto, di emergenza criminalità, di finanziaria, di legge sulle pensioni, di tav o di qualsiasi altra cosa, sembra una commedia di De Filippo: Mastella& Di Pietro, Dini& Diliberto, Turigliatto & Rutelli, Paola Binetti & Vladimir Luxuria. Ma l’Italia non merita questa buffonata…

GREG: O ti girano troppo gli arti per il fatto che per adesso non si va a votare?
SORVY: In primavera, al più tardi all’inizio dell’estate si voterà. Siamo in autunno. Il 21 dicembre entreremo in inverno. Il 21 marzo in primavera. In estate il 21 giugno. Le elezioni saranno tenute fra il mese di aprile e il mese di giugno, come di consuetudine.

GREG: E poi qual’è la vera merda? Un governo che legifera (poco, ma legifera), sia pure facendo affidamento sul voto dei senatori a vita?
RISPOSTA: Si, è vera merda. Legifera poco e niente. E pure male… Oh my God, that a shit!

GREG: oppure nuove elezioni subito, in perfetto stile prima repubblica.
SORVY: Si. Rispetto al signor Prodi e company la prima Repubblica è perfino meglio. Poi guarda che nella prima Repubblica si votava poco, rispetto al numero di governi che ci sono stati. Una legislatura mediamente comprendeva 5/6 governi diversi. Votando saremmo all’opposto of First Republic Style. The new style, come nei Paesi civili, dovrebbe essere: caduto governo si apran le urne. I pastrocchi non mi piacciono. Il porcellum non sia una scusa. E’ la stessa cazzata del latte a fine mese. Puro espediente propagandistico di sinistra. Tu ci caschi tutte le volte.

GREG: magari con l’attuale sistema elettorale??
SORVY: Perchè no? o, se ti è più familiare, “WHY NOT?”
  

Annunci

5 risposte a “Sancho and Sorvy and Greg and italian politics

  1. mi ricordo una vignetta di forattini targata 1998 mi pare…si vedeva una disgustosa rissa tra d’alema, prodi, di pietro ecc con tanto di inchiappettate, preservativi usati , falci martelli coltellata e schifezzume vario.
    la didascalia diceva:”comprerete un’auto usata da questa maggioranza?”
    è incredibile come sia attuale oggi , e come i greg vari non l’abbiano ancora capita…

  2. caposkaw… sei un mito.
    Tu e Forattini.
    Sorvy

  3. capisco che il mondo dal tuo punto di vista cominci e finisca con silvio tuo, ma la politica italiana è cambiata dal ’92 con l’avvento di tangentopoli e non dal ’94 con l’avvento del nano…

  4. “La casa delle libertà esiste”..” ..”al più tardi all’inizio dell’estate si voterà”
    A oggi, dopo l’intevista di Fini a Repubblica, entrambe queste affermazioni sono mero wishful thinking. Allora, vogliamo prendere atto che il megalomane con i tacchi ha sbagliato o no ?

  5. rileggiamo questo articolo alla luce delle vicende odierne, lunedì 19 novembre, e che ne ricaviamo?
    Che non una delle previsioni qui scritte erano giuste.
    Non una.
    Incredibile.
    Manco una per sbaglio.
    La prossima volta sarà bene farvi compilare una schedina con 14 doppie e giocarsi il resto.
    Grandi!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...