Il solito D’Alema di sempre. Falso e maligno.

Come sempre, nessun regicidio a faccia aperta, coraggioso, di fronte al popolo. No, frecciatine, sgambettini, una parolina cattiva dall’Annunziata, un incontrino furtivo con Casini in una bettola, un ammiccamento a Bertinotti, una carezza a Salvi… D’Alema così fa, perché questa è la legge dei postcomunisti: uccidere il segretario, ma sempre a fuoco lento (distruggendo così la sinistra).
Macché partito nuovo, sinistra nuova… è sempre la stessa solfa, con i capigruppo che si nomina al ”caminetto” e intrighi, intrighi, intrighi.
Come sempre, il segreto è la lentezza, la clandestinità di fronte al popolo.
Una gerarchia di notabili che sa solo applicare le logiche di una casta.
E poi dicono che uno si butta a destra!!!

Annunci

2 risposte a “Il solito D’Alema di sempre. Falso e maligno.

  1. Mannaggement

    E Roberto Formigoni
    se la prese nei Maroni
    E fu fatto a pezzettini
    dal fratel-maggior Frattini

  2. Voi c’avete Bassolino
    che tra tutti è il più carino
    e con senso dello Stato
    Jervolino ha ben parlato.
    Ma attenzione al vostro retro
    che c’avete anche Di Pietro…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...