L’Hitler mussulmano è in Italia.

Le ultime uscite del presidente Iraniano prima di imbarcarsi verso Roma. Lunedì in un discorso a ospiti stranieri ha detto: “Il regime sionista criminale e terrorista è alla conclusione della sua opera e presto sparirà dalla carta geografica…”.

E poi: “E’ iniziata l’era del declino e della distruzione del potere satanico degli USA, la campana del conto alla rovescia dell’impero del potere e della ricchezza comincia a suonare”.

Domenica il ministro degli esteri Mottaki a Teheran citava Khomeini“ Se ogni mussulmano getterà un secchio d’acqua su Israele, esso sarà cancellato”.

Da tempo l’aggressione verbale ha raggiunto, la dimensione “biologica”, che sempre precede lo sterminio effettivo: così si chiama Israele “un cadavere puzzolente”,“un topo morto”,“un albero ammarcito”.

Se questo non è nazismo allo stato puro…

Annunci

6 risposte a “L’Hitler mussulmano è in Italia.

  1. Ahmadinejad :

    “Nel nome di Dio, voglio tanto bene al popolo italiano, che è tanto ricco di civiltà e di storia. I nostri due popoli hanno molte comunanze storiche”.

    Da “eltiempo.com” :

    “El director general del Ministerio de Medio Ambiente de Israel, Shai Avital, apoyará hoy el reconocimiento de una localidad judía donde durante décadas se ha denegado el mismo estatus a una población árabe por motivos ecológicos.”

    Fate un po’ voi il confronto se avete ancora un minimo di libertà di giudizio.

  2. uèi gazacazzo, il pazzo hitleriano che nega l’Olocausto ma poi vorrebbe farlo lui l’olocausto non è gradito in Italia. E’ l’erede di Hitler. E se dichiara che lui vuole bene al popolo italiano noi gli rispondiamo in coro: “NOI NO! VAI A CAGARE BRUTTO NAZISTA DI MERDA!!”
    I nazisti vanno incriminati. Spero con tuto il cuore che gli Iraniani prima o poi lo giustizino su qualche patibolo.
    Sorvy

  3. giugno 2008 Khamenei:

    “La Nazione iraniana non cerca armamenti nucleari – ha dichiarato in un discorso trasmesso in diretta dalla televisione di stato – punta invece all’energia nucleare, e a un suo impiego per scopi pacifici di uso quotidiano. Noi continueremo a percorrere questa strada, per l’invidia dei nostri nemici, e realizzeremo poderosamente tale obiettivo”. “Oggi nessuna Nazione saggia sarebbe interessata a confezionare un’arma nucleare – ha incalzato il numero uno degli ayatollah – si tratta di qualcosa che va contro il pensiero razionale. Le bombe atomiche non portano alcun vantaggio, giacchè non si possono utilizzare. I nostri nemici lo sanno bene che sono inutili”.

    febbraio 2003, Martin Van Creveld, docente di storia militare all’Università Ebraica di Gerusalemme :

    «noi possediamo varie centinaia di testate atomiche e missili, e siamo in grado di lanciarli in ogni direzione, magari anche su Roma. La maggior parte delle capitali europee sono bersagli per la nostra forza aerea».

  4. Altre due belle citazioni storiche di Gazavivrà:

    Hitler: “noi siamo una grande nazione pacifica, non abbiamo niente contro gli ebrei. Noi siamo ariani e non ci sentiamo siamo superiori ai giudei. I giudei sono simpatici, assomigliano a dei topolini. Per questo noi gli organizziamo delle gite ad un famoso parco di divertimenti dalle parti di Auschwitz. Loro amano il fuoco. Siamo così buoni da tenerli al caldo. Lì hanno tutto ciò che desiderano e ci vanno sempre volentieri….”
    Roosevelt: “noi americani abbiamo la bomba atomica, odiamo tutti i popoli che non siano americani, intendiamo invadere la Polonia, poi la Francia, fae una bella campagna d’inverno in Russia, mangiarci in un boccone la Germania, l’Italia, la Grecia,la Jugoslavia, l’Olanda e il Belgio, bombardare l’Inghilterra, schiacciare il popolo ebraico, ma anche quello musulmano, ma anche quello cattolico. Noi siamo cattivi a prescindere. La Germania pacifica è buona ma noi siamo i cattivi e vinceremo la guerra contro Hitler il buono, l’Amico degli ebrei. Noi vogliamo chiudere i parchi dei divertimenti agli ebrei!”
    GAZAVIVRA’

  5. Bella sceneggiata, però la realtà è questa :

    Gazavivrà

    http://www.forward.com/articles/13388/

    Uno dei passaggi dell’articolo :

    “Se la minaccia è sufficientemente grave, il ricorso a armi di distruzione di massa da parte di Israele sarebbe giustificato, dal momento in cui sarebbe manifestamente necessario per assicurare la sopravvivenza di Israele, qualsiasi sia il numero imponente di vittime civili innocenti.”

    Biografia dell’autore :
    Yehezkel Dror

    Presidente fondatore del Jewhis People Policicy Planning Institute, e professore emerito in scienze politiche all’ Università ebraica di Gerusalemme. Vincitore del Premio Israele nel 2005, ha fatto parte della commissione d’inchiesta Winograd, sulla guerra israeliana contro il Libano nell’estate del 2006

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...