Compagni pacifisti … all’attacco!

Dice la Cgil che quando ci vuole ci vuole, e se bisognerà sganciare qualche bomba, pazienza. Per Veltroni, i presupposti per un’azione militare in Libia ci sono tutti. Anche per Marina Sereni: l’Italia operi immediatamente per l’intervento. Di Pietro ha tirato fuori l’anima del sergente: attaccare! Attaccare! Attaccare! Francesco Boccia ha lanciato il cuore oltre l’ostacolo. Dice che non ci si può sottrarre, anzi, che la concessione delle basi è il minimo, bisogna mettere a disposizione dei bombardamenti tutto ciò che è possibile. Chi avesse una sorella, la porti. E così Tonini, e D’Alema, ma nel Pd è tutto un coro di battaglia, senza correnti né litigi. Anche Nichi sé messo l’elmetto, sentite che sta a di’: “L’operazione militare ci vuole, anche se bisogna stare attenti che non diventi un pantano”. E Rutelli si assume le sue responsabilità di fronte al battaglione. E Vernetti muore dalla voglia. E Bersani scandisce: “Alla buon’ora”, anzi, manco avrebbe mai lasciato Tobruk, fosse stato per lui. E Napolitano in testa, con gli alamari d’oro e la sciabola sguainata. E’ tutto un partiam, colpiam, bombardiam. Capito che effettone, su questi pacifisti, nominargli per un giorno la patria?

Annunci

Una risposta a “Compagni pacifisti … all’attacco!

  1. Ma la sinistra non era pacifista “senza se e senza ma”. Oramai i pacifisti baccaloni sono rimasti “senza – senza e senza senso”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...